Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

IL SACCO DI ROMA – LA TEMPESTA SI AVVICINA

Dopo Cronache dall’Antichità e Cronache dal Medioevo, il viaggio nella storia di Cristoforo Gorno continua con “Cronache dal Rinascimento”, la nuova serie in onda su Rai Storia. Ripercorrendo i luoghi, analizzando le fonti letterarie, illustrando le opere d’arte e spiegando il  contesto storico, Cronache dal Rinascimento racconta alcuni dei fatti e dei personaggi più importanti di uno dei momenti più splendidi e drammatici della nostra storia. Si comincia dall’anno 1516: l’Italia è al centro della disputa tra Francesco I, re di Francia, e Carlo V, re di Spagna, che si contendono il titolo di imperatore del Sacro Romano Impero. A spuntarla è Carlo V. A lui il Ducato di Milano, appena conquistato da Francesco I, serve per unire i suoi possedimenti in Germania con quelli spagnoli e italiani, con i quali di fatto accerchia il rivale. L’imperatore riesce a strappare Milano al re di Francia, che accorre con il suo esercito, ma viene sconfitto a Pavia e imprigionato a Madrid. Pur di essere liberato, Francesco I accetta condizioni umilianti e, a garanzia dell’accordo, è costretto a consegnare i suoi due figli maschi. Tornato in Francia, forma un’alleanza con Firenze, Milano, Venezia e, dopo molte esitazioni, anche con il papa: la Lega di Cognac. A quel punto, Carlo V si vendica di Clemente VII, reo di essersi schierato con Francesco I, e chiede aiuto agli alleati romani, i Colonna, che nel 1526 compiono un primo saccheggio di Roma. Il papa invoca allora l’aiuto di Francesco I e l’imperatore Carlo V, stanco dei continui voltafaccia di Clemente VII, mette in piedi un esercito formato da Italiani, Spagnoli e dai terribili Lanzichenecchi, soldati mercenari tedeschi e luterani, che odiano il papa e considerano Roma la città di Satana da punire con il ferro e con il fuoco. L’esercito imperiale si mette dunque in marcia verso Roma dove, agli ordini di Carlo di Borbone, si accampa la sera 5 maggio 1527, in attesa di saccheggiarla l’indomani.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo